top of page
Cerca
  • Immagine del redattorePM2 Services srl

Bonus Sanificazione 2021: Credito d'imposta per prodotti di sanificazione e DPI

Aggiornamento: 14 ott 2021





Che cos'è? Quali spese rientrano?

Dal 4 ottobre è possibile presentare domanda per accedere al bonus che aiuterà le imprese a migliorare la sicurezza degli ambienti di lavoro con la sanificazione, ma anche con l'acquisto di dispositivi di protezione o di kit per fare i tamponi ai dipendenti.

Attenzione: La comunicazione potrà essere inviata entro il 4 novembre 2021.

Tra le spese ammissibili rientrano:

  • Sanificazione degli ambienti e degli strumenti da lavoro

  • Somministrazione di tamponi a coloro che presentano la propria opera nell'ambito delle attività lavorative

  • Acquisto di dispositivi di protezione individuale di prodotti detergenti e disinfettanti, di altri dispositivi di sicurezza.


Tampone FlowFlex Acon ad uso professionale

A chi spetta?

Il credito d'imposta spetta a:

  • Soggetti esercenti attività d'impresa, arti e professioni

  • Enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore

  • Enti religiosi civilmente riconosciuti

  • Strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale

I soggetti che rientrano tra i destinatari del bonus sanificazione 2021 possono richiedere il credito d'imposta utilizzando il modulo approvato lo scorso luglio.


Modello per la comunicazione delle spese per la sanificazione e l'acquisto dei dispositivi
.
Scarica • 48KB
Istruzioni per la comunicazione
.pdf
Scarica PDF • 44KB

Ammontare del credito

L'agevolazione consiste in un credito d'imposta pari 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale, comprese le spese per la somministrazione dei tamponi per COVID-19.

In ogni caso, il credito d'imposta richiesto non può eccedere il limite di 60.000€.


Entro 5 giorni dalla presentazione dell'istanza, l'Amministrazione rilascia una ricevuta che attesta la presa in carico della comunicazione o lo scarto.

Una volta ottenuto il credito d'imposta potrà essere utilizzato:

  • nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di sostenimento della spesa

  • in compensazione tramite modello F24

I beneficiari sapranno a quanto ammonta il beneficio solo dopo la scadenza del 4 novembre.

Nel comunicato stampa del 4 ottobre, l'Agenzia delle Entrate ribadisce una regola già evidenziata nel provvedimento:

“Al termine del periodo di presentazione delle comunicazioni, sulla base delle richieste pervenute, l’Agenzia determinerà e renderà nota, con uno specifico provvedimento, la quota percentuale dei crediti effettivamente fruibili, in rapporto alle risorse disponibili”.


Team di PM2



162 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page